ASSISTENZA CLIENTI: info@svapoboss.it | SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A 50€ E CONSEGNA IN 24 ORE
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Come accelerare la maturazione del liquido per lo svapo

I liquidi home made per lo svapo devono essere lasciati maturare: come si accelera questo processo?
Come accelerare la maturazione del liquido per lo svapo
  1. Che cos'è la maturazione del liquido?
  2. Quali sono i tempi di maturazione dei liquidi?
  3. Tecniche per accelerazione della maturazione del liquido
  4. Tempi per accelerare la maturazione del liquido

Che cos'è la maturazione del liquido?

La maturazione è un processo che viene utilizzato per portare il liquido per sigaretta elettronica a un livello tale da garantire le migliori condizioni di svapo. Può essere considerato come una fase di invecchiamento in grado di esaltare le caratteristiche del prodotto. Proprio per questo motivo viene applicata sia agli aromi scomposti e a quelli concentrati, che agli e-liquid pronti oppure realizzati da soli mixando gli ingredienti.

L’obiettivo è permettere ai diversi componenti dell’e-liquid di amalgamarsi in maniera omogenea lasciando il prodotto a riposo per un periodo di tempo variabile a seconda della loro specie. Il processo si basa sull'ossigenazione del fluido, che consente di far evaporare le tracce di alcol presenti all'interno dell’aroma utilizzato.

Se ciò avviene in maniera naturale il tempo richiesto per la maturazione può arrivare persino a 20 giorni. Il trattamento è suddiviso in tre fasi:

  • fermentazione.
    Il liquido deve essere lasciato a riposo in un luogo buio e fresco (ad esempio, si può conservare il contenitore in un cassetto avvolto in carta) per un periodo di tempo variabile. Esistono comunque tecniche per accelerare questa fase. Il flacone deve essere agitato di tanto in tanto, almeno una volta al giorno per favorire il processo di aggregazione;
  • ossigenazione.
    Una volta che il liquido è maturato si apre il flacone per alcune ore (non più di 12) per far decantare il mix. È un accorgimento che favorisce la completa evaporazione dell’alcol che fa parte del composto, così da avere un sapore più piacevole e meno aspro;
  • omogeneizzazione.
    Il flacone va immerso per qualche minuto nell'acqua tiepida. Infatti il calore permette di avere una miscelazione omogenea. È la fase conclusiva grazie alla quale un aroma è perfettamente amalgamato.

Mentre la fase di maturazione spesso può essere tralasciata quando si parla di e-liquid già pronti, questo processo è particolarmente rilevante nel caso di fluidi fatti in casa e degli aromi concentrati.

Quali sono i tempi di maturazione dei liquidi?

I tempi necessari per maturare un liquido per sigarette elettroniche dipendono dalla percezione del gusto dello stesso vaper e dal tipo di prodotto.
 

Nello specifico:
 

per i liquidi alla frutta semplice o a base di piante

da 0 a 3 giorni

per i mix 100% alla frutta o un liquido fruttato complesso

da 3 giorni a 1 settimana

per i prodotti vanigliati o contenenti aromi all'anice, spezie, caffè, liquirizia, menta o assenzio

da 1 a 2 settimane

per i prodotti contenenti una certa quantità di alcool

almeno 2 settimane

per gli e-liquid gourmand

da 2 a 3 settimane

per i prodotti cremos

3 settimane

per i liquidi tabaccosi organici

fino a 4 settimane

per i liquidi tabaccosi chimici

2 settimane


​​​​​​​Si ricorda che questo processo è molto soggettivo e alcuni svapatori lasciano a riposo il fluido per mesi, in modo da aumentare la forza dell’hit e avere il massimo effetto finale. Per determinare a che punto è l’invecchiamento del liquido è sufficiente verificarne il colore. Quando diventa leggermente più scuro è possibile utilizzarlo per svapare.

Un altro aspetto da tenere a mente è che esistono accorgimenti e tecniche che si possono mettere in atto per accelerare la maturazione del prodotto. In questo modo si ha un maggiore controllo sul processo ed è possibile ridurre la fase di conservazione. In questi casi, però, è necessario prestare grande attenzione per essere certi che il trattamento venga eseguito correttamente e si verifichino tutte le tre fasi. L’elemento fondamentale è il calore: infatti portando il fluido a un’alta temperatura si velocizza il processo di evaporazione dell’alcol e di aggregazione delle componenti.

Tecniche per accelerazione della maturazione del liquido

Molto spesso i vapers non aspettano i tempi previsti per la maturazione del liquido. In alcuni casi preferiscono il sapore del prodotto appena miscelato, in altri non hanno la pazienza di attendere settimane prima di poterlo svapare. Esistono però alcuni trucchi che si possono adottare per accelerare questo processo.

La soluzione più semplice e più diffusa per rendere omogenei gli aromi consiste nell'agitare i flaconi e posizionarli per 15 minuti sotto il getto di acqua calda del rubinetto. Quindi si mettono i liquidi a riposo per un paio d’ore in un luogo fresco e buio dopo aver rimosso il tappo. A questo punto si rimette il cappuccio e si agita il flacone per circa un minuto, così che sia pronto per lo svapo.

Questa tecnica si basa sul bisogno di trasformare la composizione chimica della glicerina vegetale, in modo da renderla più simile al glicole propilenico per quanto riguarda la sua vischiosità attraverso l’aumento di temperatura del fluido. Una volta che l’e-liquid ritorna a temperatura ambiente, la sua viscosità si stabilizza sui valori standard, ma gli aromi risultano essere più intensi e pronunciati.

Al tempo stesso la glicerina vegetale riscaldata subisce una crescita del volume, quindi è bene non usare un contenitore piccolo, bensì uno con una capienza maggiore rispetto al contenuto. Ad esempio, si consiglia di usare un flacone da 100 ml per omogeneizzare 60 ml di prodotto. In questo modo si può ridurre il rischio che il fluido fuoriesca dal contenitore. In genere è bene non utilizzare flaconi di plastica.

Altre tecniche che si possono mettere in atto sono incentrate su:

  • l’agitatore magnetico.
    Bisogna mettere il liquido in un grande contenitore di vetro, da posizionare a sua volta sopra l’agitatore magnetico. Si tratta di una delle strumentazioni base di un qualunque laboratorio e si caratterizza per una piastra magnetica riscaldante grazie alla quale aumentare la temperatura dei liquidi fino a 300°C in tempi brevi. Inoltre viene usato per agitare e mescolare i fluidi senza dover ricorrere a solventi, reagenti, agitatori esterni, aste o soluti. Infatti l’apparecchio è dotato di una piccola ancora magnetica ruotante posta in basso e collegata a un microprocessore a impulsi. A seconda della forma e delle dimensioni di questo elemento varia l'efficacia della stessa agitazione. È il sistema più adatto per accelerare la maturazione dei liquidi fatti in casa, tuttavia è bene scegliere un’ancoretta magnetica appropriata in base al contenitore impiegato e al peso e qualità del fluido da trattare;
  • l’acqua tiepida.
    Bisogna riempire una ciotola con acqua tiepida (se il trattamento riguarda più flaconi, il consiglio è impiegare invece un lavandino del bagno). Quindi si posiziona il contenitore del liquido per la sigaretta elettronica in un sacchetto di plastica e lo si mette nell'acqua per una decina di minuti. Infine si passa alla raccolta quando è freddo;
  • l’ossigenazione manuale.
    Si deve aprire flacone del liquido almeno una volta al giorno per pochi minuti e mescolare il contenuto a mano di tanto in tanto per evitare che si formino residui sul fondo. La procedura va ripetuta per un paio di giorni consecutivi;
  • il fornello per la cottura lenta.
    Si tratta di un accorgimento semplice e intelligente perché è adeguato allo scopo di fornire al liquido un calore costante e non elevato per periodi prolungati. Il flacone deve essere posto in una pentola insieme a un po’ d’acqua e lasciato sul fornello per alcuni minuti dopo averlo impostato sul livello più basso. Il metodo del bagnomaria sfrutta una soluzione sempre più in uso nel settore della cosmesi. Si toglie il flacone dalla pentola e lo si lascia tornare a temperatura ambiente agitandolo di tanto in tanto. Bisogna usare solo contenitori di vetro perché la plastica rilascia sostanze nocive e dona al liquido un odore particolare se sottoposta a temperature di 60-80°C;
  • il pulitore a ultrasuoni.
    L’utente deve riempire questa apparecchiatura con acqua tiepida e porvi il flacone all'interno. A questo punto avviene la formazione di onde ultrasuoni che creano vibrazioni nel liquido, facendo miscelare rapidamente le sue parti;
  • l’acqua calda.
    Si immerge il flacone di vetro senza tappo in una tazza riempita di acqua calda per 60 minuti. Ogni 15 minuti il flacone deve essere agitato e l’acqua cambiata per evitare una perdita eccessiva di calore;
  • il termosifone.
    È il metodo migliore durante l’inverno. Si deve posizionare il flacone per un’ora sul termosifone e agitarlo ogni 15 minuti.

Il consiglio è quello di evitare il metodo dell’asciugacapelli (spesso diffuso sul web) perché si ha un maggiore consumo di corrente. Infatti la sostanza matura se il contenitore è posto sotto il getto di aria calda a una distanza di 30 cm per 20 minuti.

Tempi per accelerare la maturazione del liquido

Lo sviluppo della maturazione del liquido è legato alla natura caratteristica dell’aroma e al rapporto tra le componenti. Lo stesso vale per l’accelerazione del processo. Per un e-liquid dolce bastano 15 minuti, mentre per quelli tabaccosi serve un’ora.

Al tempo stesso la differenza riguarda anche la tecnica usata per la pratica. Di conseguenza il problema è valutare il rapporto tra questi due elementi per determinare il tipo di risposta da parte dei liquidi.

È bene sottoporre l’elemento a un test per verificarne la bontà e che non sia necessario aggiungere altro aroma. Comunque è necessario avere esperienza nel mixing prima di usare questo approccio perché sono possibili errori.

Scegli e acquista tutti gli aromi che vuoi direttamente su Svapoboss.it!
​​​​​​​