ASSISTENZA CLIENTI: info@svapoboss.it | SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A 50€ E CONSEGNA IN 24 ORE
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Come non tossire quando si svapa

A volte si tossisce quando si usa la sigaretta elettronica: come causa questo disturbo? E come fare per risolvere questo problema? Scopriamolo insieme.
Come non tossire quando si svapa
  1. Perché si tossisce quando si svapa
  2. Come evitare di tossire quando si svapa

Perché si tossisce quando si svapa

La tosse è considerata un disturbo correlato al fumo; infatti soltanto raramente può accedere che i vapers tossiscano mentre svapano.

Le ragioni alla base di questo disturbo sono diverse, ma nella maggior parte dei casi questo leggero disagio è legato al comportamento errato dello stesso utente e non all'esperienza di vaping oppure a difetti della sigaretta elettronica.


Le cause più diffuse sono:

  • Combinare l'uso delle e-cig con quello delle sigarette tradizionali.

In questo caso si continuano a subire gli effetti nocivi del catrame e della combustione, che provocano l'irritazione delle mucose della gola e delle vie respiratorie. Di conseguenza si continua a percepire il vapore come irritante e aspro e ad associare questi sintomi allo svapo e non al fumo.

  • Usare prodotti con una concentrazione troppo elevata di nicotina.

​​​​​​​Questa sostanza si caratterizza per avere diversi effetti collaterali sull'organismo, come l'irritazione delle mucose della gola e dello stomaco e l'aumento della pressione arteriosa. I consigli migliori per contrastare questo problema consistono nell'usare liquidi con una concentrazione di nicotina non eccessiva.

  • Adottare una tecnica di svapo scorretta, tipica invece delle sigarette tradizionali.

A volte si tende a fare tiri rapidi e veloci, mentre la modalità migliore consiste nel realizzare boccate leggere e lunghe qualche secondo. Se si svapa in maniera scorretta è facile che il liquido caldo fuoriesca dall’e-cig e finisca in bocca e sulla lingua, provocando irritazione e colpi di tosse.

  • Usare un aroma troppo forte che causa la tosse.

Questo problema risulta essere più frequente quando si utilizza un aroma concentrato a cui non si è abituati oppure quando si realizzano fluidi home made per la prima volta. Infatti è molto difficile che i risultati dei mix personalizzati rispondano alle esigenze del vaper senza fare alcune prove.

Questi problemi sono legati a un’eccessiva sensibilità dell’organismo a una particolare sostanza. Di conseguenza è necessario eliminarla dalla formulazione dell’e-liquid.

  • Malfunzionamenti dell’e-cig oppure un utilizzo scorretto del device.

Se il dispositivo non è stato pulito adeguatamente, se la testina è bruciata oppure andata in cortocircuito, è facile tossire quando si utilizzano i liquidi per lo svapo. Lo stesso fenomeno si verifica in presenza di una resistenza esaurita. La maniera migliore per evitare le irritazioni della gola e la tosse è fare in modo che la sigaretta elettronica sia sempre perfettamente funzionante e che non sia presente materiale usurato in grado di provocare irritazioni e disturbi al senso del gusto, compromettendo l’esperienza di svapo.

  • Abbinare in maniera scorretta le resistenze e il voltaggio.

In base al numero di ohm si richiede una potenza diversa.

  • Reazioni dell’organismo a una grande quantità di vapore.

Di conseguenza è bene evitare la modalità clouding, il tiro polmonare e device che emettono dal drip tip dense nuvole di vapore.

  • Scarsa abitudine all’e-cig.

Si tratta di un problema comune tra chi ha fumato per anni e ha sviluppato un’irritazione continua alle mucose della gola a causa del fumo, del catrame e della nicotina. In questo caso l’uso della sigaretta elettronica può risvegliare i danni causati dal tabacco. La soluzione è aspettare che la gola si adatti al vapore e l’organismo elimini ogni traccia di tabacco dal sangue. A seconda del numero di sigarette tradizionali fumate al giorno in precedenza, questa fase può durare da qualche giorno ad alcune settimane.

Come evitare di tossire quando si svapa

Le soluzioni che si possono mettere in atto per risolvere il problema della tosse quando si svapa e avere una cura per questo disturbo sono legate ai fattori che lo provocano.


Per migliorare l’esperienza di svapo le possibilità sono:

Ridurre il peso della nicotina sulla quantità totale del liquido, se la tosse è una conseguenza del dosaggio troppo alto di questa sostanza.

Svapare un prodotto con un livello più basso di nicotina o nicotina free consente di eliminare il problema. In genere la prima soluzione viene preferita da un ex fumatore perché avverte ancora il bisogno di questo alcaloide. Per determinare la riduzione da applicare bisogna fare riferimento alle dosi massime consigliate di questo componente in base alla tecnica di tiro utilizzata. Se si adotta un tiro di polmone, il limite massimo è 4 mg/ml per non tossire quando si svapa. Invece per il tiro di guancia si può avere una quantità di nicotina fino a 18 mg/ml.


Cambiare gli aromi usati (soprattutto se si impiegano mix fatti in casa) o lo stesso liquido.

Alcuni svapatori tendono a usare un fluido dal sapore molto deciso per ottenere un’elevata resa aromatica, tuttavia il risultato può essere percepito come troppo intenso dal palato e dalla gola. Il consiglio è optare per soluzioni dal gusto meno forte: si tratta di un accorgimento semplice da mettere in atto perché sul mercato si trovano tutti i tipi di prodotti.

Nel caso in cui la tosse sia causata da un’intolleranza al glicole propilenico, è bene usare e-liquid completamente composti da glicerina vegetale. Tuttavia è necessario che i metodi di vaping adottati e la tecnologia utilizzata siano adatti alla soluzione prescelta. In alternativa si può optare per articoli con un rapporto 70-30 o 80-20 a favore della glicerina vegetale.


Modificare la formulazione del prodotto.

Infatti i fluidi per sigarette elettroniche sono igroscopici, quindi la loro caratteristica è assorbire l’acqua. Questo elemento può essere utile per favorire l’omogeneizzazione del liquidi, tuttavia anche l'umidità presente nell'apparato respiratorio viene assorbita. Di conseguenza nelle persone particolarmente sensibili si forma un senso di secchezza che si tramuta in tosse.
Per avere un rimedio soddisfacente è preferibile ottenere un e-liquid home made meno igroscopico, ad esempio aggiungendo un po’ d’acqua alla miscela. In caso contrario in commercio si trovano articoli con gradazioni diverse dei componenti che possono rispondere alle esigenze del consumatore. Comunque è fondamentale che si tratti di elementi di alta qualità. Infatti anche liquidi scadenti possono dare origine a disturbi di respirazione mentre si svapa.


Impostare la funzione controllo di temperatura per evitare di trasmettere un calore eccessivo al liquido.


Respirare di petto lasciando trascorrere 4-5 secondi tra un tiro e l’altro. Un consiglio generale è concentrarsi sul vapore che riempie la bocca, da inalare successivamente.


Eseguire un trattamento periodico di pulizia dell’e-cig, lasciando una distanza di una settimana tra un’operazione e all'altra. In questo modo il device funziona al massimo delle capacità e il flusso d’aria non viene sottoposto a una pressione eccessiva, causando difficoltà nello svapo.


Verificare che il modello di e-cig usato risponda alle proprie esigenze.

Infatti le risposte dell’organismo variano da vaper a vaper. Se si necessita di un dispositivo che emetta poco vapore, si ottengono benefici con una resistenza con potenza media (1,2-1,8 ohm) e non sub-ohm. Questo tipo di coil consente di migliorare l’esperienza di svapo nel caso di una versione non standard di fluido con un rapporto 70-30 o 80-20 a favore della glicerina vegetale.


Assicurarsi che le coil non siano esaurite.

Si deve cambiarle appena si avverte il minimo sapore di bruciato.

 
Un aspetto da tenere a mente è che in caso di tosse persistente o cronica (in alcuni casi anche accompagnata dalla presenza di catarro), i sintomi molto spesso non sono correlati allo svapo oppure lo sono in maniera marginale. Proprio per questo motivo è bene rivolgersi a uno specialista in grado di aiutare lo svapatore a identificare le cause del problema. Spesso l’utente presenta altri disturbi respiratori di cui la tosse risulta essere un semplice sintomo.


Infine è chiaro che se il vaper ha il raffreddore tende a tossire qualunque sia il tipo di liquido. Infatti il fenomeno del naso chiuso causa un ridotto apporto di ossigeno e quindi si compie uno sforzo maggiore a inalare il vapore e respirare contemporaneamente.