ASSISTENZA CLIENTI: info@svapoboss.it | SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A 50€ E CONSEGNA IN 24 ORE
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Cos'è il controllo della temperatura?

Come funziona questa modalità e quali vantaggi si ottengono?
Cos'è il controllo della temperatura?
  1. Come funziona il controllo temperatura
  2. Quando usare il controllo temperatura
  3. Perché usare il controllo temperatura
  4. Quali sono i vantaggi dell'utilizzare il controllo della temperatura

Come funziona il controllo temperatura

Nel mondo dello svapo con il termine modalità TC si indica la funzione Controllo di Temperatura.

Si tratta di un sistema per migliorare e personalizzare l’esperienza del vaping regolando la temperatura massima raggiungibile dalla resistenza integrata della sigaretta elettronica.

Questa soluzione consente non solo di proteggere meglio la coil della box, ma anche di avere un tiro più regolare perché la sua intensità non aumenta man mano.

Bisogna comunque tenere a mente che questa modalità non è applicabile a tutte le resistenza, ma soltanto a quelle realizzate in metalli con una bassa resistività, ad esempio NiFe, SS e Ni200. Di conseguenza le coil si dilatano notevolmente quando le batterie portano a un forte aumento della temperatura per nebulizzare il liquido contenuto del tank.
Tuttavia questi modelli sono poco diffusi in commercio in quanto si preferiscono quelli prodotti usano la lega metallica kanthal A1, le cui caratteristiche sono un’elevata resistenza all’ossidazione e un'alta resistività. Infatti il metallo si dilata in maniera impercettibile quando viene scaldato. Di conseguenza i mod vengono trasformati in vapore più velocemente e le resistenze mantengono una maggior stabilità.

Comunque è proprio la dilatazione del metallo della coil a consentire l’applicazione della modalità TC. In base alle informazioni ricevute dal chip di controllo la box calcola tramite appositi algoritmi quale sia la potenza necessaria in ogni secondo per mantenere la temperatura erogata costante. In questo modo l’energia emessa dalla batteria viene regolata in maniera automatica continuamente.
In pratica, il modificarsi della resistività della resistenza con il calore viene rilevata costantemente dagli atomizzatori. Quando si raggiunge il valore preimpostato dal vaper, l’erogazione dei watt non avviene più a potenza piena, ma il circuito la gestisce in modo automatica per rispettare i parametri inseriti.

Quando usare il controllo temperatura

Utilizzare controllo temperatura è una soluzione consigliata ai vapers che hanno già esperienza nello svapo.

I risultati di migliore qualità si hanno:

  • adottando un tiro di guancia (svapo in MTL);
  • con un’e-cig con un buon circuito di controllo e un filo singolo di alta qualità;
  • con coil dalle dimensioni adeguate. Per questo motivo è bene evitare le microcoil. Al tempo stesso la box mod non deve integrare il glowing delle resistenze e le preattivazioni perché sono compatibili con il TC solo applicando specifiche procedure;

Se si opta per una resistenza usa e getta, è fondamentale acquistare la sigaretta elettronica in un kit completo di accessori. In genere viene fornita anche una coil di ricambio, così da rendere più comoda la procedura. In secondo luogo la nuova resistenza non deve essere installata e letta per la prima volta dalla box a caldo. Si tratta della più diffusa causa di malfunzionamento delle e-cig in TC. Invece si deve effettuare la prima lettura della resistenza a temperatura ambiente.

Se si adotta una versione che può essere sottoposta a rigenerazione, è necessario avere la massima cura del prodotto ed eseguire una regolare pulizia della coil, delle filettature della box e degli atomizzatori. Solo in questo modo si è certi che le resistenze vangano lette in maniera corretta.

L’esperienza di massima qualità si raggiunge adottando fili in Nifethal 48 (NiFe48), materiale che consente di raggiungere una quantità di flusso consistente e percepire nettamente l’aroma dell’e-liquid.
Si reperisce facilmente sul mercato e consente di svapare in TC anche ai principianti di questa modalità di vaping. Rispetto agli altri fili possiede un valore di TCR customizzabile, quindi è adattabile a quasi tutti i circuiti, presenta il miglior rapporto possibile tra lavorabilità del materiale e precisione e la curva di TFR è certa. Tuttavia si sconsiglia alle persone allergiche al nichel di utilizzare questi fili perché contengono questa sostanza. Ciò può rappresentare un problema per parte dell’utenza. Altri materiali in grado di garantire un’esperienza di svapo superiore sono il Titanio Grade 1 e l’acciaio SS316L. In entrambi i casi è fondamentale acquistare materiali di qualità e avere una certa esperienza nell’ambito dello svapo con tiro di guancia o in modalità TC.

Per generare dense nuvole di vapore dal drip tip e avere un’esperienza di svapo molto semplice si consigliano hardware (atomizzatori e mod) dotati di un buon circuito. Si va dai device più economici ed accessibili (pensati per i vapers principianti) a quelli che integrano una soluzione DNA, che tuttavia richiedono impegno, soprattutto se si vogliono sviluppare le caratteristiche expert mode. Invece la semplicità costruttiva degli atomizzatori è un elemento irrinunciabile: il numero delle componenti meccaniche deve essere il più basso possibile. Lo stesso vale per le filettature. Più un dispositivo è complesso e più è difficile la lettura precisa delle resistenze. Basta uno scarto di un millesimo oppure di un centesimo di ohm per falsare i calcoli. In ogni caso si ottiene un sistema dalla minima resistenza passiva soltanto se le parti sono assemblate con cura e realizzate con materiali di qualità.

Quando è preferibile non usarlo

Il controllo della temperatura risulta essere una modalità difficile per i neofiti.

Sconsigliato anche se si adotta il tiro polmonare o il cloud chasing.


Al tempo stesso è preferibile evitare un prodotto con coil complesse o in dual coil.

Perché usare il controllo temperatura

Le scelte che sono alla base della decisione di adottare la modalità TC sono:

  • i gusti personali per avere un’esperienza di svapo diversa e vaporizzare i liquidi in modo costante. Obbligare le resistenze a lavorare a una temperatura predeterminata consente di rimanere all’interno di un range termico sano e avere una maggiore sensazione di appagamento, anche rispetto al fumo tradizionale. Perciò gli aromi percepiti e l’hit della nicotina rimangono stabili e costanti. Anche per questo motivo la funzione TC non viene impostata quando si utilizzano basi neutre;
  • ragioni di salute. Infatti la box non supera le temperature preimpostate. Di conseguenza si evita che si raggiungano temperature vicine a 270°C, responsabili della produzione di sostanze nocive per l’organismo.

Si ricorda che per avere un adeguato controllo della temperatura è necessario che i circuiti elettrici siano affidabili e che il filo da usare sia adeguato. Ciò vale in maniera particolare per le resistenze rigenerabili usando cotone organico oppure se si decide di utilizzare una coil con un elevato numero di ohm.

Quali sono i vantaggi dell'utilizzare il controllo della temperatura

Scegliere questa modalità consente di avere alcuni vantaggi:

  • migliorano il sapore e il gusto percepiti. La differenza si avverte anche se si adottano aromi concentrati, una soluzione al tabacco oppure un liquido su misura;
  • si tratta di una soluzione più salutare rispetto alle altre possibilità offerte dal settore. Infatti la box mod non supera le temperature che portano a sviluppare sostanze nocive. Questo fatto è immediatamente rilevabile nel momento in cui il vaper opta per un svapo in bottom feeding o in dripping. Infatti, se si superano i 230 °C, il cotone asciutto si brucia dando inizio al processo di combustione. Oltre a essere pericoloso per la sicurezza dell’utente e a danneggiare le componenti interne, si eliminano i vantaggi derivanti dall’uso di questi strumenti elettronici rispetto al fumo tradizionale. Adottando la modalità TC è sufficiente impostare le funzioni dei dispositivi perché le temperature rimangano al di sotto di questo valore. Così non si brucia la wick a causa del surriscaldamento del filo. Questo elemento risulta essere molto utile anche in caso di svapo compulsivo. In questo modo si evita un possibile danno alla salute;
  • permette di ovviare ai problemi legati a un ridotto diametro, a una forma particolare oppure a difficoltà di alimentazione delle ecig. Un esempio è rappresentato dai modelli in cui il meccanismo di funzionamento e la risalita degli e-liquid dal tank verso l’atomizzatore è data dalla pressione della mano sulle boccette da 10 ml;
  • si sfrutta pienamente il flusso d’aria. Di conseguenza le nuvole di vapore non sono fastidiose ed eccessivamente calde. In realtà, il vapers può decidere se lo svapo sia caldo, tiepido oppure freddo in base alle proprie esigenze, agli aromi utilizzati e ai gusti personali;
  • il rapporto tra resa aromatica e costanza nel tiro è ottimo. Svapare con dispositivi di serie di alta qualità in modalità TC permette di arrivare a quello che i vapers definiscono come il tiro perfetto: La temperatura rimane costante durante l’intera aspirazione, fino all’ultimo secondo. Il tiro non subisce un riscaldamento progressivo e neppure durante i puff più lunghi si verificano oscillazioni oppure cali.