ASSISTENZA CLIENTI: info@svapoboss.it | SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A 50€ E CONSEGNA IN 24 ORE
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Mal di stomaco quando svapo: ecco cosa vuol dire

Quali sono le cause del mal di stomaco durante lo svapo e come si può evitare questo problema?
Mal di stomaco quando svapo: ecco cosa vuol dire
  1. Perché può venire mal di stomaco quando si svapa
  2. Come evitare il mal di stomaco quando si svapa

Perché può venire mal di stomaco quando si svapa

Alcuni vapers possono riscontrare alcuni effetti collaterali.
Molto spesso questi inconvenienti si verificano durante i primi periodi, soprattutto se si passa dal tabacco all'e-cig. In altri casi il problema è dato da una formulazione dell’aroma che non risponde pienamente alle esigenze e alle percezioni degli svapatori.

Tra gli effetti negativi dello svapo sottolineati dai consumatori può esserci un dolore allo stomaco, che può assumere diversi livelli di gravità e avere differenti cause. Vediamo quali sono.
​​​​​​​

Eccessivo contenuto di nicotina nel liquido.

Questa sostanza è un alcalinoide naturale (proprio come la caffeina) che stimola la movimentazione intestinale (peristalsi), oltre alla vasodilatazione e all'aumento della pressione cardiaca. Proprio per le sue caratteristiche e formulazione, la nicotina favorisce la produzione degli acidi gastrici: per questo motivo i fumatori hanno spesso lo stimolo a fumare dopo i pasti.
Da un lato il consumo di questa sostanza favorisce il processo di digestione, dall'altro è una delle cause del reflusso gastroesofageo, delle irritazioni delle mucose gastro-intestinali e dei bruciori di stomaco.
 

La scelta di aromi concentrati non adatti al proprio organismo.

Esiste sempre il rischio di usare prodotti che scatenano una reazione allergica, sia per quanto riguarda le sostanze contenute sia per il tipo di aroma aggiunto. Questa causa in genere risulta essere più diffusa se si usano mix oppure liquidi realizzati in casa. Infatti, mentre la base neutra si caratterizza per essere molto più stabile e quindi adatta a una selezione più ampia di vapers, gli aromi possono avere effetti collaterali spiacevoli per la gola e per lo stomaco. Ciò si verifica più di frequente se si aggiunge al liquido una grande quantità di aromi concentrati o complessi oppure se si impiegano elementi acidi. Tra questi si ricordano i prodotti all'anice, al ginseng, al limone e agli altri agrumi. In questo caso è importante ridurre sia le concentrazioni di nicotina che la quantità di aromi aggiunti.
 

La fuoriuscita di liquido in bocca e sulla lingua mentre si svapa.

Questo fatto è causato spesso dall'adozione di una tecnica di vaping errata e riguarda nella maggior parte dei casi i novizi della sigaretta elettronica. Infatti i puff da effettuare con questo prodotto devono essere lenti e lunghi (anche 4-5 secondi); al contrario, le sigarette tradizionali si caratterizzano per tiri brevi e rapidi. Bisogna evitare di commettere questo errore e usare la tecnica corretta per avere le migliori condizioni di svapo e risultati all'altezza delle aspettative, oltre a eliminare il rischio di mal di stomaco.

Come evitare il mal di stomaco quando si svapa

Le soluzioni che si possono adottare per evitare di soffrire di mal di stomaco durante l'esperienza di vaping sono diverse tra loro. Infatti bisogna verificare quale sia la causa del disturbo per poter determinare il rimedio da mettere in pratica.
 

Calcolare quanta nicotina sia stata effettivamente assunta.

Dopo aver considerato la concentrazione del liquido utilizzato, si moltiplica il numero di milligrammi di nicotina contenuti in un millilitro (il suo peso) per la quantità di e-liquid effettivamente consumato. Infatti un’alta assunzione di questa sostanza è tra le principali cause dei disturbi allo stomaco quando si svapa.

I consigli per attenuare e risolvere questo problema consistono nel ridurre man mano la concentrazione di nicotina fino a raggiungere un livello accettabile per il proprio organismo oppure addirittura un fluido nicotina free. Questo accorgimento consente anche di eliminare gli altri rischi e danni alla salute connessi al consumo di questo elemento, come pressione alta e dipendenza, che riguardano molti fumatori tradizionali. È bene che la transazione avvenga in breve tempo ma non in maniera eccessivamente repentina per dare origine a una crisi di astinenza da nicotina.
 

Prestare attenzione alla qualità degli aromi e dei liquidi.

Alcuni vapers considerano soltanto la quantità di vapore emesso e non il contenuto stesso dell’e-liquid. In alcuni casi si forma un sedimento sul fondo del serbatoio se il fluido non è omogeneo e amalgamato. Per migliorare la sensazione al palato e attenuare il rischio di reazioni allergiche è preferibile utilizzare aromi naturali. In commercio si trova una linea specifica in grado di andare incontro a queste esigenze, così da annullare l'effetto dell'intolleranza e migliorare l'esperienza finale.
 

Cambiare il liquido o l’aroma usato.

A volte il dolore addominale e il bruciore di stomaco sono sintomi di un’intolleranza alimentare. Di conseguenza è bene verificare quali siano le componenti del prodotto e il tipo di sostanza utilizzato per scegliere l'articolo più adatto ai propri gusti ed evitare di assumere una sostanza a cui si è intolleranti.

Nel caso di liquidi fatti in casa è possibile eliminare uno alla volta i vari elementi che lo costituiscono. Fare dei test è un ottimo accorgimento per verificare se sia la presenza di un ingrediente a scatenare il disturbo. Inoltre alcuni svapatori non sono in grado di sopportare particolari liquidi o aromi. In alternativa, è possibile diluire il fluido con dell'acqua per rendere il gusto meno forte. Questa soluzione è molto utile in caso di nausea.
 

Adottare un tiro di guancia e non polmonare.

Proprio per le sue caratteristiche, svapare significa inalare il vapore e quindi anche l'aria. Per evitare che questi fattori provochino un gonfiore addominale di differente gravità è bene accertarsi che il vapore non penetri nei polmoni e non muovere l’epiglottide mentre si svapa.

Si tratta di un problema che può riguardare più di frequente un ex fumatore che è passato di recente alla sigaretta elettronica. La soluzione migliore è respirare esclusivamente dal naso e non dalla bocca, soprattutto durante l’esperienza di vaping.
Leggi come svapare di guancia per adottare il corretto metodo di svapo!
 

Verificare le condizioni dell'e-cig.

A volte le testine bruciate oppure la presenza di una ridotta quantità di liquido nel tank può provocare sia un processo di combustione sia dolore allo stomaco a causa della tossicità delle sostanze prodotte. In questo caso gli unici rimedi consistono nel riportare il device al suo livello di funzionamento ottimale e al massimo delle sue capacità.
 

Impostare il controllo della temperatura.

Questo accorgimento permette di evitare di svapare a una temperatura eccessiva, che può portare all'irritazione delle mucose della gola e dello stomaco.
 

Ridurre la concentrazione di glicole propilenico o di glicerina vegetale in caso di intolleranza.

In questo caso infatti il disturbo sarebbe presente ogni giorno anche senza svapare. Ad esempio, nel caso di una reazione alla glicerina vegetale è bene usare una base 70-30 a favore del glicole propilenico; se invece si è sensibili a quest’altra sostanza, è bene optare per una base media dal rapporto tradizionale 50-50.
 

Evitare le componenti acide, come gli aromi agrumati, eccessivamente tabaccosi oppure liquorosi.

Queste soluzioni hanno un sapore intenso, tuttavia possono provocare gli stessi disturbi di stomaco e il reflusso gastrico dei veri agrumi, tabacchi e alcolici.

I liquidi fruttati non devono essere mai svapati verso sera o dopo cena. Infatti questo genere di prodotti in questo momento particolare può far sviluppare il reflusso gastrico e portare a una cattiva digestione.