ASSISTENZA CLIENTI: info@svapoboss.it | SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A 50€ E CONSEGNA IN 24 ORE
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Quale cotone usare nelle sigarette elettroniche

A seconda del tuo modello di e-cig, cambia il tipo di cotone più adatto per rigenerare le coil. Vediamo come scegliere il cotone giusto per ottimizzare le prestazioni della tua sigaretta elettronica.
Quale cotone usare nelle sigarette elettroniche
  1. Il cotone nella sigaretta elettronica
  2. I migliori cotoni da acquistare
  3. Come scegliere il cotone più adatto alla tua sigaretta elettronica
  4. Caratteristiche del cotone per e-cig
  5. I tipi di cotone per sigaretta elettronica
 

Il cotone nella sigaretta elettronica

Il cotone è un elemento fondamentale per il vaping: viene inserito all'interno della coil e il suo compito è quello di assorbire il liquido contenuto nel serbatoio così che possa essere trasformato in vapore da convogliare nell'atomizzatore.
​​​​​​​
All'inizio al posto del cotone venivano impiegate le wick in silica perché più robuste e resistenti alle alte temperature. Tuttavia le grandi prestazioni del cotone nell'assorbimento e nel trasporto degli e-liquid, oltre alla sua convenienza economica, hanno fatto si che si diffondesse questo materiale.

I produttori hanno infatti iniziato a produrre cotoni appositi per lo svapo, in particolare gli organici giapponesi. Rispetto alla normale ovatta e alle wick, questi sono privi di qualunque componente chimico e sono facili da usare perché pre-tagliati.

I prodotti più diffusi in Europa sono definiti Bocoton o pad perché hanno l’aspetto di batuffoli crespi bianchi. Si tratta di un cotone non trattato con candeggiante ottico al 100%. Altri formati meno comuni sono in grammi, da tagliare, in bustina, a corda e a metro.
 

I migliori cotoni da acquistare

Ecco quali sono i cotoni più diffusi e che i vaper apprezzano maggiormente.

  1. Cotton Bacon Prime. Versatile e facile da usare, si adatta ai più disparati dispositivi (anche ai vaporizzatori) e garantisce elevate prestazioni. Inoltre dura a lungo e ha una buona resa aromatica. Si tratta della soluzione maggiormente diffusa.
  2. Kendo Vape Cotton. Venduto in matassina, viene considerato un must have dagli svapatori. Dura a lungo nel tempo, non altera il sapore del liquido e trattiene bene il liquido.
  3. Kendo Gold Edition, perfetto per i dripper, le coil complesse e il cloud chasing. Dura a lungo, ha un’ottima capacità di assorbimento, garantisce una resa aromatica ideale ed è facile da lavorare. Tuttavia l’inizializzazione richiede maggiori cure rispetto ad altri prodotti.
 

Come scegliere il cotone più adatto alla tua sigaretta elettronica


La scelta del cotone da usare deve essere fatta tenendo in considerazione diversi fattori.
​​​​​​​

Capire quali sono le caratteristiche del dispositivo
 Ad esempio, nei tank è preferibile un cotone in grado di assorbire e trasportare il liquido in maniera più rapida. Invece per i dripper si consiglia un materiale assorbente, ma meno veicolante e in grado di avere una maggiore resistenza al calore.

Valutare che tipo di liquido si sta usando
Alcuni cotoni fanno risaltare meglio gli aromi e il sapore del fluido.

Scegliere in base a tiro di guancia o tiro di polmone
 Il cotone delle resistenze deve essere proporzionalmente resistente al tipo di tiro da fare: con quello di polmone serve uno più resistente al calore per evitare che si bruci con rapidità a causa delle elevate temperature raggiunte.
 

Caratteristiche del cotone per e-cig

Ecco quali sono le caratteristiche da tenere in considerazione per il cotone della sigaretta elettronica.
 

Densità

Si tratta della concentrazione di fibre per centimetro quadrato: più alto è questo valore e maggiore è il suo attrito nell'assorbimento. Per gli atomizzatori per dripping e per una modalità di svapo cloud chasing sono consigliati i cotoni ad alta densità; nel caso delle coil RDTA o RTA rigenerabili come il griffin, invece, è preferibile un cotone a densità media o minima.

Questa caratteristica consente di evitare il rischio di allagamento dell’atomizzatore, bloccando l’eccessivo assorbimento del fluido: se il cotone è troppo poco denso, l’e-liquid sale troppo; se invece è eccessivamente denso, può non far salire il liquido e portare a secche continue.
 

Sapore

Tale fattore viene determinato in base al bisogno personale di ogni singolo vaper: non esiste un materiale giusto a priori, ma si devono considerare l’aroma del liquido da svapare e la propria percezione del sapore.

Alcuni svapatori, una volta acquistato, annusano il cotone prima dell’utilizzo, altri lo assaggiano: in questo modo si è certi che il materiale non influisca negativamente sul vapore.
​​​​​​​

Provenienza

Anche in questo caso si tratta di una preferenza personale in base alla resa aromatica che si preferisce.

​​​​​​​​​​​​​​Per alcuni sono migliori i cotoni giapponesi, per altri quelli americani, olandesi oppure polacchi.
​​​​​​​

I tipi di cotone per sigaretta elettronica

In commercio si trovano vari tipi di cotone per le sigarette elettroniche: alcuni sono pensati per andare incontro alle esigenze di un determinato modello di e-cig, mentre altri vengono considerati universali perché si possono usare con qualunque device.

I vari cotoni per sigarette elettroniche sono ripartiti in due macro-categorie:

  • sbiancato, usando prodotti non chimici;
  • naturale, e quindi di colore beige.

Bisogna comunque tenere a mente che il cotone usato per le sigarette elettroniche risulta essere molto diverso rispetto alla normale ovatta oppure al cotone idrofilo. Infatti quest'ultimo viene sottoposto a un processo di sbiancatura a base di cloro oppure ossigeno: in questo modo assume il suo caratteristico colore bianco. Non usate quindi l'ovatta classica, ma acquistate un cotone apposito!

Il cotone venduto specificatamente per lo svapo, infatti, si distingue per essere stato trattato in modo da evitare la produzione di sostanze nocive durante il processo di nebulizzazione. Quindi non si corre il rischio di inalare residui del processo di sbiancamento o vapori tossici.