ASSISTENZA CLIENTI: info@svapoboss.it | SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A 50€ E CONSEGNA IN 24 ORE
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Quale liquido svapare durante la giornata

La sigaretta elettronica è molto apprezzata perché consente di scegliere a piacere il liquido per lo svapo. Inoltre è possibile cambiare l'e-liquid in base al momento della giornata.
Quale liquido svapare durante la giornata
  1. Liquidi per la mattina
  2. Liquidi per il pomeriggio
  3. Liquidi per la sera
  4. Scegliere il tipo di liquido per sigaretta elettronica

A seconda del momento del giorno variano gli effetti che il liquido per lo svapo ha sull'organismo e sull'umore. Questo fattore viene influenzato anche dai gusti personali e dalla tipologia di tiro adottata (di guancia o di polmone), tuttavia il consiglio degli esperti è verificare quale sia il sapore o la formulazione migliore in base alla situazione.

​​​​​​​Liquidi per la mattina

Alla mattina (subito dopo essersi alzati oppure aver fatto colazione) è bene optare per un fluido dalle caratteristiche decise ed energiche, così da affrontare la giornata con la giusta carica ed essere preparati mentalmente.

Per risvegliare i sensi in maniera efficace i prodotti consigliati sono:

  • un preparato dal gusto e dall'aroma frizzanti (Fresh Apple) o freschi (Crisp Mint);
  • i liquidi al gusto caffè. Si tratta di un'ottima scelta per avere una maggiore carica al mattino e risvegliare i sensi, proprio come avviene con la bevanda omonima;
  • un fluido, pronto oppure preparato in casa, che annovera tra le sue componenti la nicotina. È la scelta preferita dagli ex fumatori che erano abituati a fumare una o più sigarette tradizionali dopo il caffè;
  • i liquidi cremosi e corposi;
  • gli e-liquid tabaccosi. Rappresentano una valida alternativa rispetto a quelli contenenti nicotina, soprattutto gli articoli organici.

​​​​​​​

Bisogna ricordare che al mattino i sapori vengono percepiti meglio in bocca, quindi è preferibile evitare aromi concentrati e hit di gola eccessivamente forti. Si tratta di un accorgimento pensato in particolare per non avere problemi di stomaco.
 

 

Liquidi per il pomeriggio

È possibile sfruttare al massimo le capacità della sigaretta elettronica e dell'atom a partire dalle 14:00. Dopo pranzo, infatti, si può dare maggiore spazio ai propri gusti personali.

In alcuni casi i vapers optano per fluidi dal sapore dolce (caramello, cioccolato, vaniglia, ad esempio Infused Vanilla e Dark Cherry) o che ricordano quello di bevande, ad esempio la Coca Cola; in altre situazioni prediligono ricette personalizzate che garantiscono un'alta soddisfazione. Spesso si decide di aggiungere alla base neutra l'aroma preferito. Comunque è sempre necessario che il mix ottenuto sia equilibrato e gradevole per tutti i sensi.

Da metà pomeriggio fino all'ora di cena si possono usare varie soluzioni:

  • liquidi con un alto contenuto di glicerina vegetale. Si tratta di una categoria molto amata dagli svapatori che adottano una modalità di vaping cloud chasing, ma anche da chi desidera produrre nuvole di vapore grandi e dense;
  • fluidi fruttati. Sul mercato si trovano decine e decine di aromi diversi e la scelta è assolutamente personale, quindi si può variare a piacere. Soprattutto quando si decide di aggiungere l'aroma ai liquidi classici è possibile cambiare la formula del prodotto in maniera molto semplice;
  • se si opta per i vaporizzatori, si può inalare una più ampia gamma di sostanze, tabacchi e cannabis compresi.
 
 

Liquidi per la sera

Infine durante la sera il liquido più indicato risulta essere piuttosto semplice perché deve favorire il relax e non provocare disturbi del sonno. In genere viene consigliato un composto classico oppure una base neutra priva di aromi che siano sempre gradevoli al palato.

Bisogna tenere a mente che la composizione della cena può influenzare la percezione del liquido da parte del vaper. Ciò vale in particolare per i prodotti alla vaniglia e per quelli fruttati.


Tra e le soluzioni più apprezzate ci sono:

  • i gusti più dolci come nocciola o frutti di bosco;
  • l’aroma mandarino, che dà l'idea di digerire meglio.
 

Comunque è bene sottolineare che si tratta di valutazioni molto personali. La maggior parte degli ex fumatori in questo momento della giornata preferisce svapare e-liquid a base di nicotina perché sono abituati a fumare una o più sigarette tradizionali la sera. Di conseguenza mutuano le proprie azioni abitudinarie usando la sigaretta elettronica al posto di quella normale, soddisfacendo la voglia di nicotina ed evitando di tornare a un'attività poco salutare per l'organismo.

Se si opta invece per i prodotti tabaccosi di tipo naturale, si prediligono:

  • Golden Tabacco;
  • Dry Tabacco;
  • Passito di Tabacco.

Per lo svapo a zero gli esperti consigliano liquidi dal sapore particolare e intenso, speziati, mentolati oppure agrumati.
​​​​​​​

Scegliere il tipo di liquido per sigaretta elettronica

La scelta del liquido per la sigaretta elettronica deve essere fatta tenendo conto dei propri gusti personali, della modalità di svapo adottata e del tipo di atomizzatore usato.

Sul mercato si trovano diverse tipologie di liquidi, ognuno dei quali presenta caratteristiche e proprietà differenti. La prima differenziazione va fatta tra:

  • i liquidi pronti.
    Si va dalla base neutra composta esclusivamente da glicerina vegetale e glicole propilenico agli e-liquid aromatizzati oppure contenenti nicotina. Il prodotto viene confezionato in flaconi facili da trasportare ed è preferibile optare per contenitori di vetro per evitare alterazioni di sapore. Grazie al contagocce incluso si inserisce il fluido all'interno della cartuccia prima di svapare. La formulazione standard è 50% glicole propilenico e 50% glicerina vegetale, tuttavia le percentuali possono aumentare a favore di una delle due sostanze. Una maggiore quantità di glicerina vegetale consente di produrre grandi e dense nuvole di vapore, mentre aumentando il contenuto di glicole propilenico è possibile migliorare la resa aromatica e l’hit di gola;
  • i liquidi fai da te.
     Questi vengono creati autonomamente a casa e sono personalizzabili a piacere. Si possono miscelare due o più e-liquid già pronti oppure aggiungere gli aromi desiderati a una base neutra con o senza nicotina. In alternativa, il vaper può acquistare separatamente i vari ingredienti (aromi, glicerina vegetale, nicotina e glicole propilenico), tuttavia questa procedura necessita di una certa preparazione tecnica.

Un'altra importante distinzione va fatta tra:

  • i prodotti derivati dal tabacco.
    Si caratterizzano per un leggero retrogusto di nicotina, tuttavia sono perfettamente sicuri perché non contengono sostanze cancerogene oppure originate dalla combustione. Hanno un gusto tabaccoso e possono essere organici o creati artificialmente;
  • i gusti diversi dal tabacco.
    In commercio si trovano diversi prodotti, che contengono una quantità più o meno elevata di aromi. In questa categoria sono compresi i liquidi fruttati (esistono quelli realizzati in laboratorio e quelli naturali con estratti di frutta), cremosi, dolci. Altri fluidi hanno un sapore che ricorda quello di liquidi (latte, caffè) o alimenti (cioccolato, nocciola, caramello);

Per quanto riguarda la concentrazione di nicotina, si va dalle soluzioni nicotina free a quelle variabili in percentuale. Questo fattore influenza anche quanto si svapa nel corso della giornata. I prodotti contenenti nicotina vanno da 4 mg/ml a 20 mg/ml, anche se 8 mg/ml è la concentrazione maggiore. È bene verificare le equivalenze rispetto alla quantità di nicotina assunta con il fumo tradizionale calcolando il numero di sigarette fumate e quello dei millilitri vaporizzati.

Un ulteriore aspetto da considerare riguarda infine le marche. Occorre utilizzare liquidi realizzati da case produttrici di ottimo livello, così da essere certi della loro qualità e sicurezza.