ASSISTENZA CLIENTI: info@svapoboss.it | SPEDIZIONI GRATUITE PER ORDINI SUPERIORI A 50€ E CONSEGNA IN 24 ORE
0

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale Prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Quali pile usare per la batteria della sigaretta elettronica

La scelta della migliore batteria per e-cig è molto delicata. Ci sono diversi parametri da prendere in considerazione, e spesso un acquisto incauto può comportare problemi. Per evitare ogni rischio, impariamo a conoscere tutte le caratteristiche essenziali delle pile per sigaretta elettronica.
Quali pile usare per la batteria della sigaretta elettronica
  1. Scegliere in base alle dimensioni
  2. Scegliere in base al pin
  3. Scegliere in base al voltaggio
  4. Scegliere in base al wattaggio
  5. Scegliere in base alla resistenza
  6. Scegliere in base alla capacità
 

È sempre bene domandarsi quali batterie ricaricabili usare per la propria sigaretta elettronica, quali sono i parametri che fanno la differenza e come scegliere in base al tipo di e-cig che si possiede.

Tutte le batterie per le sigarette elettroniche (nonché per ogni dispositivo elettronico in commercio) sono basate su una tecnologia agli ioni di litio. Attualmente, si tratta della forma più evoluta e sicura di batterie per utilizzo domestico. Inoltre, tutte le batterie per e-cig sono ricaricabili, mediante cavo USB (se il modello di e-cig lo permette) o con un caricabatterie portatile esterno.

Ecco come sceglierle, basandosi sui vari parametri che possono interessarci.
 

Scegliere in base alle dimensioni

Le dimensioni sono il connotato fondamentale della batteria; in fase di scelta, si può sbagliare il valore della capacità e usare ugualmente la batteria sull'e-cig, ma se si confonde una dimensione per un’altra si dovrà per forza restituire l'acquisto, in quanto non compatibile.
​​​​​​​
La dimensione è designata da un numero a cinque cifre, in genere ben evidente sulla parte esterna della confezione: le prime due cifre indicano il diametro, la terza e la quarta la lunghezza.

Per esempio, una pila 18650 (il formato più diffuso) ha un diametro di 18 mm e una lunghezza di 65 mm; l’ultima cifra è sempre uno zero perché in realtà il valore della lunghezza è indicato in decimi di millimetro (650 dmm, in questo caso).

Ovviamente, la scelta della dimensione è dettata dal modello di e-cig in cui la pila dovrà trovare posto. La maggior parte delle sigarette elettroniche ad oggi in commercio richiede le 18650, ma di recente molti produttori hanno introdotto altri formati, come 18350, 20700, 21700 e 26650.
 

 
 

Scegliere in base al pin

Le batterie per sigaretta elettronica possono differenziarsi in base alla tipologia dei pin, ossia dei connettori.

Per la e-cig, ma non solo, si trovano sul mercato batterie a polo piatto o a polo sporgente, a seconda che il polo positivo sia appunto sporgente (come in una comune stilo ricaricabile che si usa ogni giorno) oppure leggermente rientrante.

Ciascun modello di e-cig richiede una tipologia particolare di pin e la scelta dipende dal produttore.
 

Scegliere in base al voltaggio

Il valore espresso in Volt indicato su ciascuna batteria fornisce informazioni sulla differenza di potenziale tra il polo positivo e il polo negativo, ossia sulla tensione.

In genere, tutte le pile 18650 hanno un voltaggio pari a 3,6 V. Questo valore, comunque, è trascurabile per chi usa box elettroniche e occorre tenerlo sotto controllo solo se si utilizzano le meccaniche.
 

Scegliere in base al wattaggio

Il numero dei Watt sta a indicare la potenza effettiva erogabile dalla batteria.

Più il wattaggio è elevato, maggiore sarà la potenza con cui la nostra e-cig riuscirà a riscaldare la resistenza e vaporizzare il liquido.

Naturalmente, non in tutti i casi una potenza elevata è essenziale; dipende dalle preferenze dello svapatore e dalle possibilità della sigaretta elettronica.
 

Scegliere in base alla resistenza

Si esprime in Ohm, e indica appunto quanta resistenza viene opposta dalla batteria al passaggio della corrente.

Da questo valore dipende la rapidità con cui la pila si scarica; al crescere della resistenza, la corrente fluisce meno rapidamente, garantendo un consumo minore.
 

Scegliere in base alla capacità

La capacità è il valore cui in genere si presta più attenzione, perché segnala la quantità di energia accumulata nella batteria.

Si esprime in milliampere-ora (mAh), e misura quanto è intensa la corrente che la pila eroga in un certo periodo di tempo. Maggiore è la capacità, maggiore è la durata della batteria (al netto delle variazioni degli altri parametri, naturalmente), il che permette di doverle caricare meno spesso.


Pile per e-cig meccanica

Nel caso di una e-cig meccanica, si deve stare molto attenti al voltaggio della batteria. Le meccaniche infatti non hanno un circuito che dia la possibilità di regolare i volt in automatico, ed è necessario conoscere il livello massimo di corrente a scarica continua che la batteria può erogare. In questo modo non si supererà il valore massimo dell’intensità di corrente e non si provocheranno cortocircuiti o surriscaldamenti.

La quantità di corrente che la batteria erogherà sarà direttamente dipendente dal valore della resistenza che si intende utilizzare nell'atomizzatore e dal suo voltaggio a piena carica, secondo le note formule della prima legge di Ohm (ossia, I = V / R, ove I è l’intensità di corrente, V il voltaggio, R la resistenza).

Il voltaggio da considerare è quello della batteria a piena carica; per le big battery in commercio il valore standard è in genere 4,2 V. Mentre la batteria si scarica progressivamente, a poco a poco anche il voltaggio andrà calando, e così anche il wattaggio, ossia la potenza erogata dalla sigaretta (poiché il wattaggio è direttamente proporzionale al voltaggio, secondo la formula W = V I, con W = wattaggio, V = voltaggio, I = intensità di corrente).

Se si vuole calcolare l’intensità di corrente su una box meccanica, dunque, bisognerà ricorrere alla formula precedente, quella della prima legge di Ohm. Supponendo di avere montato una resistenza dal valore di 1 Ohm, si otterrà una corrente pari a 4,2 / 1 = 4,2 Ampere.


​​​​​​​Pile per e-cig elettronica

Per le e-cig elettroniche, invece, non ci si dovrà preoccupare del voltaggio, ma della massima potenza erogata. La regola generale è che con un valore inferiore delle resistenze la potenza della batteria deve essere maggiore.